Quanto vale Robin Thicke?

patrimonio Netto: 20 Milioni di dollari
Professione: Cantante Professionista
Data di Nascita: Marzo 10, 1977
Paese: Stati Uniti d’America
Altezza: 1.87 m

“la Mia mamma è stata la cantante e il mio papà era il schmoozer. E ‘ il re degli idioti.”Robin Thicke

Binge Degno

Chi È Robin Thicke

Robin Thicke è il figlio dell’attore Canadese Alan Thicke e la cantante-attrice Gloria Loring. Come un pre-adolescente e adolescente, ha fatto una serie di apparizioni in spettacoli televisivi, ma alla fine ha deciso di intraprendere una carriera nella musica invece di agire.

Mentre era ancora adolescente, firmò un contratto discografico con la filiale della Interscope Records Nu America, guidata dal noto magnate della musica Andre Harrell. Inizialmente, si è concentrato sul songwriting, e testi realizzati per diversi R&B; atti, tra cui Brandy, Mya e Usher.

Cantante americano-canadese, cantautore, produttore discografico, ballerino, musicista e attore Robin Thicke ha un patrimonio netto di $20 milioni di dollari, a partire dal 2021. È conosciuto attraverso le sue numerose collaborazioni con artisti come Mary J. Blige, Usher, Nicki Minaj, 3T, T. I., Pharrell, Jennifer Hudson, Jessie J, K. Michelle, DJ Cassidy, Flo Rida, Brandy, Kid Cudi e Christina Aguilera.

Nati: Robin Charles Thicke il 10 marzo 1977; cresciuto nella zona di Los Angeles.

Un passo sotto i riflettori

Alla fine, Thicke ha iniziato a lavorare sul materiale per il suo album di debutto. Il suo album di debutto sarebbe stato pubblicato sotto il titolo Cherry Blue Skies su Nu America / Interscope nell’ottobre 2002. Tuttavia, alla fine la sua etichetta ha riconfezionato e pubblicato l’album con nuove canzoni incluse sotto il titolo A Beautiful World nel 2003. La donna che appare sulla copertina dell’album si dice che sia sua moglie, l’attrice Paula Patton.

“Oh, Shooter”

Ad oggi, A Beautiful World ha ancora venduto meno di 100.000 copie, ma è stato un successo di critica. L’artista rap Lil ‘ Wayne ha registrato un remake della canzone di Thicke “Oh, Shooter” (ribattezzato “Shooter”), che può essere trovata nell’album di Wayne del 2005, The Carter II. 6, 2006.
In seguito, attraverso il passaparola, è diventato un successo minore, con la loro esibizione nello show che è stata diffusa attraverso numerosi siti Internet, aumentando così il profilo di Thicke nel mondo della musica.

Star Trak

Nel 2005, l’hitmaker Pharell Williams (che è metà del duo di produzione dei Neptunes) si interessò alla carriera di Thicke e portò Thicke (ora con il suo nome completo, Robin Thicke) alla Star Trak imprint, che come Nu America, è un’impronta della Interscope Records.
Dopo molti ritardi e flessioni, il secondo album di Thicke, The Evolution of Robin Thicke, è stato pubblicato nell’ottobre 2006. Grazie alla ballata a sorpresa “Lost Without U”, l’album è diventato un successo. Il terzo album di Thicke, Something Else, è uscito nel settembre 2008 e ha stabilito Thicke come un artista in buona fede, rispettato R&B;/Soul che non era un one-hit wonder.

‘Something Else’

Sul suo terzo album, Something Else (pubblicato negli Stati Uniti il settembre. 30, 2008), il cantante Soul dagli occhi blu Robin Thicke continua la sua evoluzione come persona e artista. L’album, che è il seguito della sua svolta del 2006 The Evolution of Robin Thicke, è un po ‘più maturo, un po’ più sexy e un po ‘ più lucido dei suoi primi due album. Il nuovo album è anche essenzialmente un tributo alla musica soul degli anni ‘ 70, in particolare quella del compianto, grande Marvin Gaye. L’album non è del tutto retrò però; in qualche modo riesce a camminare sapientemente – e facilmente – la linea sottile tra musica soul classica e moderna.

Modern-Day/Classic

Se vi siete mai chiesti come Robin Thicke, un maschio bianco nato figlio di due famosi e ricchi intrattenitori (la cantante Gloria Loring e l’attore canadese Alan Thicke) sia finito con tanta anima traboccante, gran parte della risposta è nelle canzoni del suo terzo album, Something Else. Thicke è chiaramente un uomo che è cresciuto ascoltando-e amando-la musica di artisti Soul degli anni ’70 come Curtis Mayfield, Stevie Wonder e soprattutto Marvin Gaye. Alcune canzoni sembrano veri e propri tributi al caro defunto Mr. Gaye, tra cui l’afosa traccia di apertura, “You’re My Baby”, su cui suona dolcemente in un falsetto quasi identico a quello di Marvin, e il super-sensuale” Loverman”, una traccia incredibile su cui i fantasmi di Marvin sono così abbondanti, puoi quasi sentirli cantare in sottofondo.

Il riferimento più ovvio a Marvin, tuttavia, è forse la migliore canzone dell’album, “Dreamworld”, una traccia meravigliosamente malinconica in cui Robin canta di come sarebbe la sua versione di utopia: “Direi (Vincent) van Gogh che era amato,non c’è bisogno di piangere / Direi a Marvin Gaye che tuo padre non voleva che tu morissi/Non ci sarebbe stato nessun bianco e nero, il mondo avrebbe trattato bene mia moglie/Potremmo camminare giù nel Mississippi e nessuno ci guarderebbe due volte.”Quest’ultima linea si riferisce alla sua sposa (l’attrice Paula Patton, che è afroamericana) e ai problemi che hanno avuto incontrando il razzismo nel Sud.

Hope &Love

Un’altra sorta di omaggio agli anni ’70 è il primo singolo dell’album, “Magic”, che è una traccia piena di speranza e solare sul potere dell’amore. Come singoli vanno, è più ottimista ed energico di “Lost Without You”, che è stata la grande ballata di successo dell’ultimo album di Thicke, ma in molti modi, è altrettanto buono, se non migliore. Sfortunatamente, il remix di” Magic”, che presenta Thicke insieme a Mary J. Blige, ” è stato lasciato fuori dalla versione finale dell’album.

Ma non l’intero album è un esercizio per tornare al passato. C’è altro materiale che è radicato nei giorni nostri, come l’unica grande canzone “messaggio” dell’album, “Tie My Hands”, un’ode ai sopravvissuti dell’uragano Katrina con il rapper – e nativo di New Orleans – Lil’ Wayne. A differenza della maggior parte delle dozzine di altre canzoni di Katrina che sono saltate fuori dall’uragano, questo non è apertamente arrabbiato, anche se porta una stanchezza al suo interno, lo stesso tipo di stanchezza che i residenti di New Orleans sopravvissuti alla tempesta probabilmente sentono quotidianamente ora. La canzone inizia con alcune parole di saggezza del signor Thicke: “Il cielo sta cadendo e l’unica cosa che può salvarci ora è la sensibilità e la compassione.”E anche il Wayne spesso negativo ha alcune parole molto chiare di speranza e incoraggiamento sul suo secondo verso: “E se vieni da sotto quell’acqua allora c’è aria fresca/Respira, baby, respira, Dio ha una benedizione da risparmiare/Sì, so che il processo è così stressante, ma è il progresso che si sente meglio.”

” The Evolution of Robin Thicke ”

Nel suo secondo album, Robin Thicke (precedentemente noto come just ‘Thicke’) si evolve dall’anima grezza dagli occhi azzurri del suo primo album (A Beautiful World del 2003) e in liscio R &B-Pop.; I risultati non sono male, ma nemmeno sono stellari. L’album è solido, ma non spettacolare. La voce è buona, ma non eccezionale. Gli arrangiamenti delle canzoni sono soleggiati, ma non sbalorditivi. Quindi, per dirla semplicemente: L’evoluzione di Robin Thicke è un album ok, ma l’evoluzione personale di Thicke sembra essere ancora un work-in-progress.

“Evoluzione” – o devoluzione?

Quando Robin Thicke ha pubblicato il suo album di debutto, A Beautiful World nel 2003, molti di coloro che lo hanno creato sapevano che era un cantante speciale che probabilmente aveva un futuro luminoso davanti a lui. La sua voce sognante e Soul-tastic su canzoni come il racconto di rapina in banca “Oh Shooter” era solo una delle tante tracce eccezionali dell’album.

Ma il problema era: anche se i fan dell’album sapevano che era un cantante superiore, non abbastanza persone comprarono l’album per renderlo un successo commerciale. Così ora, tre anni dopo, Thicke è tornato. E questa volta è alleato con il produttore Pharrell Williams (dei Neptunes) e i due hanno preso la musica di Thicke in una direzione più mainstream.

Questo è sia buono che cattivo, con esempi del buon essere “Got 2 Be Down” e “Cocaine.”The bad, tuttavia, è esemplificato dal primo singolo prodotto da Pharrell,” Wanna Love You.”Wanna Love You” caratterizza il track record misto dei Neptunes quando si tratta di produrre brani per cantanti, in particolare Thicke, Kelis e Sleepy Brown. Né Pharrell né the Neptunes come unità sembrano capire che ciò che funziona per i rapper-brani veloci con percussioni dure-non funziona necessariamente per i cantanti, specialmente per qualcuno con uno stile morbido e romantico come quello di Thicke.

Fortunatamente, nonostante i problemi di produzione, c’è anche molto di buono nell’album. In effetti, le cose iniziano con una nota molto buona con il già citato “Got 2 Be Down”, un uptempo, vecchia scuola R&B-type; traccia con la sempre rinfrescante Faith Evans. “Got 2 Be Down” utilizza perfettamente il talento vocale di Thicke, così come alcune altre canzoni, tra cui la traccia funky prodotta dai Neptunes “Cocaine” (no, non è una cover del classico di Eric Clapton), il latino “Everything I Can’t Have” e la power ballad “To the Sky.”

Uno dei problemi con l’album è che alcune delle canzoni sono semplicemente noiose. Noioso. Poco eccitante. Non interessante. Hai capito. Thicke potrebbe esprimere i suoi sentimenti più intimi su canzoni come” Would That Make You Love Me “e” Lost Without U”, ma le canzoni semplicemente non si collegano con l’ascoltatore perché non hanno alcun impatto emotivo nonostante la produzione a volte lussureggiante. Anche Lil ‘Wayne, che fa un’apparizione come ospite in “All Night Long”, non porta alcuna eccitazione.

Quindi, anche se c’è molto di buono nell’album di 16 canzoni, c’è anche una buona dose di mediocrità. speriamo solo che mentre Thicke continua ad evolversi, sia in grado di trovare una via di mezzo tra l’anima in buona fede e il pop urbano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.