Potenza e versatilità sono due parole perfette per descrivere l’omoplata. Questa tecnica Brazilian Jiu-Jitsu mette in evidenza veramente l’idea di minacce di sottomissione costanti insieme a movimenti fluidi e fluidi.

La storia di Omoplata in BJJ

Simile alla storia del triangle choke, omoplata in BJJ ha forti influenze judo. La tecnica è venuto alla luce in Brasile già nel 1930 per mezzo del judo di cui sopra e anche catch-style wrestling.

Nei suoi stadi infantili, molti vedevano l’omoplata come una mossa inefficace ed era solo lì come una mera parte del curriculum della maggior parte delle accademie di Jiu-Jitsu brasiliane. Col senno di poi, era solo lì per essere lì: come una sottomissione, né una spazzata, né una messa a punto.

Secondo Otavio Peixotinho, uno degli studenti del grande Carlson Gracie negli anni ’70,” l’omoplata esisteva, ma mancava di efficacia. Era qualcosa che avresti provato in allenamento ma non in composizioni.”Ha aggiunto:” Ho visto Rickson e Rolls competere un sacco di volte, anche se non lo avrebbero usato.”

Fast forward alla metà degli anni 1990, quando la Confederazione Brazilian Jiu Jitsu (CBJJ) ha rivisto le regole della concorrenza e ha permesso punti per questa situazione. Molti praticanti, in particolare Antonio “Nino” Schembri, iniziarono a sviluppare l’omoplata come una sottomissione legittima e una spazzata piuttosto che un semplice blocco della spalla.

Omoplata Variations

Omoplata significa scapola, o scapola, in portoghese. Dalla parola stessa, la tecnica applica una pressione sul grande osso di forma triangolare nella parte superiore della schiena estendendo l’articolazione della spalla di un avversario oltre il suo normale raggio di movimento.

Omoplata da Closed Guard

Probabilmente, l’applicazione più comune e più popolare di omoplata è dalla guardia. L’aggressore posiziona una gamba sotto l’ascella del suo avversario e ruota di 180 gradi all’indietro, attorno al suo braccio, esercitando pressione spingendolo perpendicolarmente lontano dalla schiena.

Per garantire ulteriormente un tocco, l’offesa dovrebbe anche mettere un premio sul controllo del corpo del suo rivale, spesso mettendo un braccio intorno alla sua vita, che alla fine gli impedisce di rotolare e invertire la mossa. Inoltre, i praticanti hanno iniziato a utilizzare efficacemente l’omoplata come set up per spazzate, serrature e strozzatori, tra gli altri dalla posizione inferiore.

Omoplata da Triangle

La maggior parte delle volte, la prima linea di difesa di un avversario contro un triangle choke consiste nel nascondere il suo braccio. Questo lo rende un set up perfetto per una finitura omoplata.

Dalla posizione triangolare, l’offesa spinge la testa del difensore verso la direzione opposta del suo braccio nascosto. Ricorda di usare anche il palmo della mano, così come i fianchi, per fare spazio.

L’attaccante mette quindi un piede davanti al volto del suo rivale, se non è lì, lui o lei può usare il piede sullo stesso lato del braccio nascosto. Una volta assicurato, il reato dovrebbe iniziare a ruotare di 180 gradi mentre controlla la vita del suo avversario con il braccio libero.

Inoltre, la persona che fa l’omoplata dovrebbe puntare le ginocchia verso il suo avversario, prima di sollevare i fianchi da terra per terminare la sottomissione. Quando tutto il resto fallisce, questa tecnica presenterà spesso l’opportunità di uno sweep.

Come per ogni trucco nel libro Brazilian Jiu-Jitsu, il blocco nell’omoplata richiede una conoscenza adeguata, una pratica regolare e un’esecuzione fluida. L’idea è di pensare sempre uno, due, tre, forse anche quattro passi avanti rispetto alla difesa per garantire la W.

Come fare un Omoplata

Omoplata Tutorial
Come fare un Omoplata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.