IMG_00000526
Simile alle installazioni di Vancouver, il progetto pilota parklet a Toronto comprende numerose installazioni in legno, che forniscono spazio aggiunto per i pedoni di raccogliere attraverso alcuni isolati della città. Foto per gentile concessione di Mike Yorke.

Un progetto pilota parklet su Church Street a Toronto può estendersi ad altre strade della città dopo un feedback positivo.

L’installazione di ponti in legno con fioriere e posti a sedere è apparsa su parcheggi in alcuni isolati della città. Anche se nuovo per Toronto, queste installazioni possono essere visti anche a Vancouver, New York City, e San Francisco.

I gruppi di legno sono costruiti a filo con il marciapiede e poi avvolti con le scatole della fioriera. La disposizione dei posti a sedere comprende sia built-in panchine o mobili patio tavoli e sedie.

I parklet si basano su materiale da costruzione standard, Mike Yorke, presidente di Carpenters Local 27, ha dichiarato a Construction Canada Online.

“Principalmente prefabbricati nel negozio, con alcuni assemblaggi/installazioni in loco, 4×4, 2×4 e 2×6 sono avvitati insieme”, ha spiegato. “Inoltre, una striscia di 19,05 mm (¾- in.) il compensato forma una transizione sicura e accessibile alle sedie a rotelle dal marciapiede al parchetto, verniciato in un colore brillante e contrastante per distinguersi per una maggiore sicurezza.”

Le installazioni sono preparate da apprendisti e da operai prima di essere trasferite nei siti. Essi sono inoltre rivestiti con un ignifugo e macchiato / verniciato in loco.

Lo scopo del progetto è quello di fornire spazio extra per i pedoni per osservare la città.

“La città beneficia di un ambiente urbano migliorato e coinvolgente”, ha affermato Yorke. “Dato che molti volontari hanno lavorato al progetto dall’inizio alla fine, ha permesso a un gran numero di persone di contribuire alla salute e alla vitalità della loro città.”

IMG_00000454
Un equipaggio è mostrato qui n un’installazione parklet nel centro di Toronto.
Hai notizie? Clicca qui per condividere la tua storia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.