Giuseppe Peano

Primi anni di vita

Giuseppe Peano è stato un matematico filosofico italiano. Era nato il 27 agosto 1858 a Spinetta, Piemonte, Italia. Appartenente ad una famiglia di contadini Peano è nato e cresciuto in una fattoria. Ha iniziato la sua prima educazione da una scuola del villaggio in seguito a entrare in una scuola a Cuneo. Rendendosi conto del suo talento e del suo potenziale, lo zio di Peano lo portò a Torino quando aveva 12 anni. Nel 1876 compì gli studi secondari presso il Liceo Cavour e successivamente si iscrisse all’Università di Torino.

Mentre all’Università, Peano originariamente destinato a diventare un ingegnere, ma in seguito si sentiva inclinato verso la matematica. Ha studiato geometria analitica, algebra, calcolo e geometria descrittiva nei primi due anni della sua laurea ed è stato l’unico studente a continuare a studiare matematica pura nel terzo anno. Si è laureato come dottore in matematica il 29 settembre 1880.

Nel 1880, Giuseppe è stato nominato presso l’Università di Torino come assistente professore. Lo stesso anno ha pubblicato la sua prima carta matematica seguita da altri tre documenti nel prossimo anno. Nel 1881 Peano è stato nominato per assistere Angelo Genocchi, il capo del calcolo infinitesimale. Nel corso dei prossimi due anni Peano ha assunto l’insegnamento del corso di calcolo infinitesimale a causa del declino della salute di Genocchi. Nel 1884 Peano ha pubblicato un libro di testo sul calcolo che è stato il suo primo lavoro importante.

Nel 1886, Peano ha iniziato a tenere lezioni presso l’Accademia Militare di Torino, oltre al suo insegnamento presso l’Università. Nel 1889 Università gli ha concesso la sua piena cattedra. Lo stesso anno Peano ha dato la sua famosa curva di riempimento dello spazio come esempio contatore che in seguito è venuto a essere conosciuto come frattale.

Formulario Progetto

Nel 1891 il Dr. Giuseppe Peano ha iniziato il suo Formulario Mathematico progetto noto anche come Enciclopedia della Matematica. Conteneva teoremi fondamentali della matematica in un linguaggio simbolico sviluppato da Peano. Il primo dei cinque libri di Formulario Mathematico uscì nel 1895, mentre l’ultimo fu pubblicato nel 1908. Molti dei simboli e delle abbreviazioni introdotte nel libro sono oggi di uso comune.

Evidenziando la completezza dei suoi libri, Peano in seguito scrisse:

“Ogni professore sarà in grado di adottare questo Formulario come un libro di testo, perché dovrebbe contenere tutti i teoremi e tutti i metodi. Il suo insegnamento si ridurrà a mostrare come leggere le formule, e ad indicare agli studenti i teoremi che vuole spiegare nel suo corso”.

Più tardi la vita e la morte

Anno 1901 ha visto il picco della carriera matematica di Peano. Egli aveva fatto progressi nelle aree di analisi, fondamenti e logica, ha dato molti contributi per l’insegnamento del calcolo e anche contribuito ai campi di equazioni differenziali e analisi vettoriale. E ‘ stato un pioniere nello sviluppo della logica matematica. Ha annunciato il suo lavoro sulla lingua ausiliaria internazionale nel 1903, che era una versione rispettato di inglese, tedesco, francese e la maggior parte impotently vocabolario latino.

Giuseppe Peano morì all’età di 73 anni il 20 aprile 1932 per insufficienza cardiaca. All’epoca insegnava all’Università di Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.