Martini Cover C’è “Il Martini” e poi ci sono i martini e, molto spesso quest’ultimo ha poca o nessuna somiglianza con l’originale. Il classico Gin Martini, fatto di gin e vermouth secco, rimarrà sempre un classico e uno dei preferiti di molti. C’è molto dibattito tra gli intenditori per quanto riguarda il rapporto tra gli ingredienti (vermouth al gin), stile di gin, livello di ghiaccio, scosso contro mescolato, e guarnire che è meglio, ma la maggior parte sarà d’accordo che la combinazione gin-vermouth è uno dei più classiest e migliori cocktail mai creati.

E ‘ stato l’amore per questa bevanda classica che ha stimolato un intero movimento, una cultura martini separata, se si vuole, all’interno della scena cocktail più ampia. Fancy, brevi bevande servite in bicchieri da cocktail che sono spesso abbastanza forte e sono disponibili in quasi ogni sapore immaginabile sono venuti ad essere conosciuto come ‘martini.”Alcuni, come il Manhattan e Rob Roy, sono classici come il loro cugino gin, mentre i cocktail più recenti mescolano di tutto, dalla vodka, alle mele al cioccolato o al caffè ai peperoncini piccanti nei cosiddetti ‘Tinis. Quale modo migliore per celebrare la Giornata Nazionale del Martini se non quello di assorbire in pochi questi classici.

Non avrei mai dovuto passare dallo scotch al martini.

~ Famose ultime parole di Humphrey Bogart

Sebbene l’origine esatta del Martini sia sconosciuta, questa bevanda iconica si è guadagnata un posto permanente nel pantheon dei cocktail classici. La prima ricetta stampata per un cocktail “Martinez” apparve in un manuale di bartending pubblicato a San Francisco nel 1887. Tuttavia, gli storici non sono d’accordo sul fatto che la bevanda abbia effettivamente avuto origine sulla costa occidentale. Nel 1911, un barista di New York di nome Martini di Arma di Taggia iniziò a servire un cocktail a base di gin, vermouth, amari all’arancia e un contorno di olive. Il martini ha guadagnato popolarità diffusa tra i socialites Manhattan, ed è stato associato con New York da allora.

La più grande battaglia che coinvolge prendersi il merito per il martini è in California, dove le città di San Francisco e il cocktail ‘Martinez’ stanno litigando per vantarsi. Il martini può essere trovato nel manuale del 1887 del barista Jerry Thomas di San Francisco e la gente crede che possa aver inventato la bevanda già nel 1860. Una delle teorie più note è che la bevanda abbia avuto origine durante la corsa all’oro della metà del 1800, a Martinez, in California, appena a nord della baia. Mentre celebrava la sua recente ascesa alla ricchezza, un cercatore d’oro ha ordinato champagne in un bar locale. Tuttavia, il bar non aveva champagne, così il barista ha suggerito di provare un altro cocktail dagli ingredienti che aveva: vermouth, gin, liquore al maraschino, amari e una fetta di limone, chiamandolo ‘The Martinez Special. Poco dopo, ne ordinò un altro a San Francisco (dovendo istruire il barista su come prepararlo correttamente). Nel 1880, la bevanda aveva guadagnato tale popolarità che fu pubblicata nel Manuale dei baristi.

Ecco un altro tratto dal libro di Barnaby Conrad III intitolato ‘ Il Martini: An Illustrated History of an American Classic’, dove spiega che la bevanda è stata effettivamente inventata nella città di San Francisco quando un minatore, che era in viaggio verso la città di Martinez, ha chiesto un drink. La storia più logica per me è che si crede che la bevanda abbia preso il nome da Martinez o, come si crede più comunemente, da un produttore di vermouth italiano, Martini & Rossi, che ha anche prodotto un vermouth secco chiamato Martini & Rossi, che risale a circa 1863 . Oltre cento anni dopo, il Martini rimane un favorito americano e non è sicuramente uno da perdere quando si visita il suo luogo di nascita.

Oggi, oltre il 50% di tutti i cocktail sono serviti in un bicchiere martini/cocktail. Tutto ciò servito in un bicchiere da martini che non è un classico martini deve essere giustamente indicato come un bicchiere da cocktail. Alcuni dei più famosi (storici e immaginari) amanti del martini includono: John D. Rockefeller, Humphrey Bogart, Franklin D. Roosevelt, Clark Gable, Ernest Hemingway e James Bond (all’insaputa della maggior parte delle persone, preferisce bere Scotch on the rocks).

I martini sono uno dei cocktail classici più importanti, quindi è naturale che qualcuno là fuori abbia deciso che dovrebbe avere il suo giorno riconosciuto a livello nazionale. Il Martini è una parte così grande della nostra cultura ora che abbiamo iniziato a chiederci da dove provenisse effettivamente. Chi è responsabile per fare questo cocktail accadere?

Probabilmente hai familiarità con le molte varianti attuali del martini, come il sempre popolare Apple-tini o Espresso ‘Martini’, ma il martini base è appena iniziato come gin e vermouth. Sfortunatamente, questa è solo l’unica cosa nella storia del martini di cui siamo abbastanza sicuri. Quando si tratta di chi ha effettivamente inventato la bevanda well beh, questo è un po ‘ più abbozzato.

The Martinez

Questa ricetta classica è apparsa per la prima volta nella Guida dei baristi moderni di O. H. Byron del 1884.

Martinez Martini
Foto per gentile concessione di Liquor.com

Ingredienti

  • 1 1/2 oz Old Tom Gin
  • 1 1/2 oz Dolce vermouth
  • 1/4 oz Luxardo Maraschino
  • 2 gocce Angostura
  • per Guarnire: Orange twist

Vetro: Coupé

Istruzioni

  • Aggiungi tutti gli ingredienti per uno shaker e riempire con ghiaccio.
  • Agitare e filtrare in un bicchiere da coupé refrigerato.

Classic Dry Martini

(Foto di copertina). Il Dry Martini è un cocktail classico che ha perso il suo posto nella storia. Sebbene l’originale della libagione sia oscuro (tante teorie), il Dry Martini ha mantenuto un posto nella storia del cocktail come elisir elegante e sofisticato per i cocktailians e coloro che desiderano la bevanda più rigida sulla terra.

Ingredienti

  • 2 1/2 oz Beefeater Gin
  • 1/2 oz Dry vermouth
  • 1 dash Orange bitters (opzionale)
  • Guarnire: Lemon twist o 3 olive

Bicchiere: Cocktail

Istruzioni

  • Aggiungere tutti gli ingredienti in un mixing glass e riempire con un mezzo ghiaccio.
  • Mescolare con un cucchiaio da bar fino a quando ben raffreddato per circa 20 rotazioni ogni direzione e filtrare in un bicchiere da cocktail freddo utilizzando un colino julep.
  • Guarnire con una torsione di limone (strofinare intorno al bordo 12 alle 6 su entrambi i lati, torcere e far cadere) o 3 olive su uno spiedino (3 per la Santissima Trinità e per buona Fortuna!). Se avete intenzione di utilizzare olive ripiene, non lasciarli nuotare nella bevanda. Cambiano il gusto e rendono il martini torbido, basta mangiarli.
  • Versare il ghiaccio usato in un bicchiere rocks e posizionarlo accanto al martini.
  • Utilizzare ghiaccio per diluire il martini o tenerlo ben freddo.

Variazioni

Mescolare tutto se non diversamente indicato e utilizzare sempre un lato di ghiaccio usato in un bicchiere rocks con questi martini. Anche se non classico, tutti i martini di tipo classico possono essere su rocce (utilizzare le stesse misure).

50/50 Martini-parti uguali vermouth secco a gin. Mescolare

In & Fuori Martini-turbinare il vermouth nel bicchiere martini per aromatizzarlo e poi discariche fuori il vermouth. Procedere con solo gin. Mescolare

Martini molto secco-spruzzata di vermouth (1/4 oz) o senza vermouth. Stir

Dirty Martini-questo intruglio è diventato uno dei cocktail moderni più popolari. Aggiungendo un po ‘ di salamoia di oliva (1/2 oz o più a seconda di quanto sporco lo vuoi) alla ricetta classica sopra. Questo dà alla bevanda un sapore completamente nuovo. E mentre qualsiasi tipo di salamoia funzionerà, prova a usare il succo di olive verdi non imbeccate. Imbottigliarlo prima del tempo-non versare dal barattolo d’oliva. Agitare leggermente per combinare la salamoia di oliva con altri ingredienti, ma non rendere troppo nuvoloso.

1942 Martini-usa la tequila al posto del gin. Utilizzare 1 1/2 oz reposado o anejo tequila, 3/4 oz vermouth secco, e un pizzico di arancio amaro. Agitare, non mescolare e aggiungere la buccia d’arancia o torcere.

Gibson-martini classico con 3 cipolle da cocktail come guarnizione. Mescolare

Gimlet-utilizzare 1/2 oz succo di lime al posto di vermouth secco. Mescolare

Martini perfetto – parti uguali vermouth secco e vermouth dolce (1/2 oz, 2 oz di gin o vodka). Stir

Emerson

Questo cocktail è molto simile all’aviazione classica ed è incluso qui perché è classico in natura con gin e vermouth dolce.

Ingredienti

  • 2 oz Bluecoat Gin
  • 1 oz Dolce vermouth
  • 1/2 oz succo di limone
  • 1/2 oz liquore Maraschino
  • Guarnire – scorza di Limone

Bicchiere da Cocktail

Istruzioni

  • Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio.
  • Agitare bene e filtrare in un bicchiere da cocktail freddo.
  • Guarnire twist limone strofinando intorno al cerchio 12 alle 6 su entrambi i lati, torcere sopra la bevanda per rilasciare oli e cadere in.

Bronx

Un altro cocktail tipo martini con ingredienti classici ma con succo.

Bronx Martini
Foto per gentile concessione della Rivista Smithsonian

Ingredienti

  • 1 1/2 oz Brooklyn Gin
  • 1/4 oz vermouth Dry
  • 1/4 oz Dolce vermouth
  • 1 oz polpa-free succo d’arancia
  • Guarnire – Orange twist

Bicchiere da Cocktail

Istruzioni

  • Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio.
  • Agitare bene e filtrare in un bicchiere da cocktail freddo.
  • Guarnire con la torsione arancione.

Vesper

Rendi omaggio a 007 mescolando il suo cocktail d’autore. La bevanda è apparsa per la prima volta nel romanzo di Ian Fleming del 1953 Casino Royale quando Bond ha chiesto ” Tre misure di Gordon, una di vodka, mezza misura di Kina Lillet. Agitare molto bene fino a quando non è ghiacciato, quindi aggiungere una grossa fetta sottile di scorza di limone. Capito? – Casinò Regale, Capitolo 7. Kina Lillet Bond è un marchio di vermouth secco prodotto in Francia dalla fine del 1800 che viene spesso definito l’apèritif di Bordeaux. Il bicchiere di Bond scelto per il Vesper è un calice di Champagne profondo.Questo è molto, molto potente. Bevi con cautela!

Vesper Martini
Foto per gentile concessione di Liquor.com

Ingredienti

  • 3 oz Plymouth gin o altro classico gin, come Gordon
  • 1 oz Belvedere vodka
  • 1/2 oz Kina Lillet Blanc o altri Lillet Blanc
  • per Guarnire: Buccia di limone

Vetro: Cocktail

Istruzioni

  • Aggiungi tutti gli ingredienti in un mixing glass e farcitela con metà di ghiaccio.
  • Mescolare e filtrare in un bicchiere da cocktail freddo.
  • Torcere una fetta di scorza di limone sopra la bevanda, strofinare lungo il bordo del bicchiere e far cadere.

Avere un grande Festa del papà tutti e spero che vi piaccia questo primer Martini. Buon mixaggio e applausi!

Tieniti informato: Iscriviti qui per la nostra Distillery Trail free email newsletter e essere il primo a ricevere tutte le ultime notizie, tendenze, annunci di lavoro ed eventi nella tua casella di posta.

Michael Naggy-Raise Your SpiritQuesto post è basato su una storia di Michael Nagy di Raise Your Spirits – Elite Bartending & Top Shelf Cocktail Services.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.